Gamberi Rossi Crudi Marinati… In diretta da Palermo!


…o quasi!

Nel senso che si, mi trovo a Palermo, ma la ricetta l’ho fatta ieri e solo oggi riesco a pubblicarla! :-D

In questi giorni ci troviamo in Sicilia, e più esattamente a Palermo, anche se per pochi giorni, per assistere al matrimonio di una nostra parente, ma anche per passare a salutare i nostri parenti che vivono qui. Proprio ieri con mio padre siamo andati in giro per far spesa, e come tutte le volte che io riesco a tornar giù, quello che non manca mai a tavola è il pesce! Di solito, visto i pochi giorni in cui posso restare a casa, non cucino mai, faccio il ‘turista’, però ieri, davanti al banco del pesce fresco, mentre mangiavo questo QUI, ho visto quei bei gamberi rossi freschissimi che ci fissavano, ed io cosa potevo fare??? Ovviamente prenderli per cucinarli! O meglio, farli marinati crudi come li avevamo mangiati anni fa in un posto bellissimo vicino Trapani. Per me è stata la prima volta che ‘cucinavo’ pesce crudo, di solito non è che mi fidi molto, soprattutto se devo comprare pesce quando sono a Milano, però visto che mi trovo nella mia città natale, e dal nostro pescivendolo di fiducia, ho voluto tentare! Anche il fatto di scrivere il post il giorno dopo è stato dettato da questo, se sopravvivo, allora il pesce era fresco! :-P Per sicurezza, ho preferito far marinare il gambero per un tempo abbastanza lungo, e con una marinatura abbondante, proprio per farlo cuocere nel limone e nell’olio ben più del previsto. Quella volta che lo mangiammo crudo, ricordo perfettamente che il gambero era stato appena sgusciato e poggiato su un piatto, e condito al momento con un filo d’olio, una spruzzata di limone e con una grattatina di sale e pepe a completare un piatto davvero eccezionale nella sua semplicità! Che bontà!!!

Gamberi Rossi Crudi Marinati – La Ricetta!

  • 8 gamberi rossi freschi
  • olio qb
  • 1 limone
  • sale&pepe qb
  • menta fresca (facoltativa)

Iniziamo pulendo per bene i nostri gamberi, avendo l’accortezza di staccare tutta la parte del guscio dalla coda fino alla testa, ma lasciando la teste stessa attaccata, quindi riponiamoli in una ciotola. A parte, in una tazza, spremete il limone, aggiungete un pizzico di sale e pepe e versate dell’olio a filo per la stessa quantità del limone. Io ho aggiunto anche delle foglioline di menta per dare maggior freschezza al piatto, ma sono facoltative, possono essere eliminate a vostro piacimento. Emulsionate con un cucchiaio il composto e versatelo sui gamberi. Coprite la ciotola con della pellicola da cucina e riponete in frigo per mezz’oretta circa.

Passata la mezz’ora, preleviamo i nostri gamberi che nel frattempo avranno marinato per bene e disponiamoli nel nostro piatto come meglio crediamo, irrorandoli ancora con la marinatura e con qualche altra fogliolina di menta fresca. Decoriamo il piatto e serviamo subito!

Come prima volta che preparavo del pesce crudo, diciamo che è andata bene, l’unica nota stonata in tutto ciò è… Che ne avremmo voluti mangiare almeno il doppio!!!

Ed ora la ricetta in dialetto!

Ammaru Cruru Marinatu (Gambero Crudo Marinato)


U pisci friscu n’Palermu è na vera bontà, soprattutto quannu u piscati ru mari e vu manciati cruru, r’accussì. U ammaru poi, è un cioccolattino, picchi appena u pischi, u pigghi e cu ddui irita, u rapi a mmità e t’ammucchi sanu sanu, sucannuti puru u cirivieddu. Ma unn’è sempri facili truvari u pisci friscu nè bancarelli, poi u ammaru è particolari, picchì s’un t’innadduni n’tempu, t’arritrovi a casa pisci ca sapi ri biccumi e u poi ittari… Ma chista è sulu ‘spirienza, ci voli tempu pi ccapiri cu hai i ravanzi, picchì u pisciaru è comu tutti l’avutri, avi a’campari e futtiri la genti, ma pi ccanusciri chiddi onesti e boni, unn’è mai facili. Accattati i ammari frischi, a prima cosa c’ammu a fari e pulizzialli boni sutta l’acqua frisca, lassannu i tiesti attaccati e i scocci livati. Mittemuli n’ton piatto funnu e a parti arriminamu u limiuni cu l’ogghiu e un pizzicu ri sali e ri pipi. Io ci misi puru a mentuccia frisca, pi ddarici chiù gustu. Sdivacamu a marinatura supra i ammari e cummigghiannu cu chellofane i lassamu ripusari nno frigorifero p’armenu menzura. Na vota cu ammaru è bellu cottu nall’ogghiu, i putemu pifgghiari e ‘mpiattari comu megghiu criremu.

Sunnu na vera bontà!!!

A’ffavorire!!!

Vi confesso che quando scrivo la parte in dialetto, sorrido perchè è davvero strano per me che ormai mi sono ‘milanesizzato’, farmi tornare in mente tutti quei termini che non si usano neanche a casa mia a Palermo, faccio fatica persino a sentire mio padre che il dialetto non lo parla quasi mai! Ma aver passato una vita a girare per la città, i mercati, e stare in mezzo anche alla gente dei quartieri più popolari, è stata una bella scuola di vita! Anche per il dialetto!

PS: in verità, i gamberi erano molti di più, è stato mio padre a non volermi dare tutti, perchè voleva cucinare anche lui qualcosa… Mentre io ero impegnato e non l’ho più visto, a pranzo, dopo i gamberi marinati, si è presentato a tavola con questo qui:

E arrivando a tavola ha esordito molto semplicemente dicendo: Ed ora la metti sul tuo sito! Papà è un blog… Non importa, io ti ho insegnato a cucinare! Mi ha preparato delle fettuccine al gambero rosso, molto semplici e gustosissime, come nel suo stile del resto! :-D

Che dire, vacanze brevi ma divertenti!

A presto!

Potrebbero interessarti anche… (clicca sull’immagine per accedere al relativo post)

About these ads

9 pensieri su “Gamberi Rossi Crudi Marinati… In diretta da Palermo!

  1. ehiii ma allora ti arricrìi con il matrimonio, fa un caaaaaaldo…
    Complimenti per la ricetta che trovo davvero buonissima.
    ciao.

  2. @chamki
    Son venuti davvero bene e rendono parecchio in foto!

    @Cinzietta
    Grazie per i complimenti!
    Il matrimonio della cugina è andato benissimo, ho mangiato a più non posso ma ahimè, son già tornato in Lombardia, pacchia finita! :-D

    @Unfilidolio
    Avevano un profumo eccezionale!
    Vacanze già finite, siamo tornati su!
    A presto!

  3. Fameeeeeeeeeeeeeeeeeee! Ma a me le tue ricette in dialetto mi fanno semplicemente “sdilinquire”
    (ma esiste sta parola?) che poi non deve essere per nulla facile scrivere in lingua sicula … troppo troppo carina. E’ un dialetto, come dire? colorato!!!

  4. Ehehe Certe volte a me non piace perché rasenta il volgare ed è troppo pieno di parolacce, ma purtroppo spesso i riferimenti sono sempre a doppio senso, quindi quando si scrive bisogna fare molta attenzione anche sotto quell’aspetto! Io ci metto impegno, poi incrocio le dita nella speranza di non aver scritto cavolate! :)

Dopo aver letto il post, un tuo commento è molto gradito!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...