Una Polpetta tira l’altra… E becca anche la Faraona!


…Se poi ci aggiungiamo due contorni un pò speciali, allora il piatto è davvero pronto!

Domenica scorsa abbiamo invitato una nostra coppia di amici a pranzo, e per l’occasione abbiamo riproposto due secondi un pò particolari, che ben hanno figurato al momento di presentarli! Insieme ad essi, abbiamo anche aggiunto due contorni, per differenziare le portate tra di loro! Preparatevi, sarà un post impegnativo, poichè la lista degli ingredienti sarà lunghissima!

Polpette Brasate al vino con Pisellini al Bacon e Faraona stufata con Patate sabbiose al forno


Ingredienti per le Polpette: 500 gr di carne trita, 1 uovo, 50 gr di grana grattugiato, prezzemolo, un cipollotto tritato, un cucchiaio di pangrattato, 50 gr di latte, olio, pinoli, uva passa, sale e pepe, 1 bicchiere colmo di vino bianco, farina qb, un dado vegetale.

Ingredienti per i pisellini: 300 gr di pisellini primavera, una confenzione di pancetta affumicata o una fetta di bacon tagliata a  dadini, un cipollotto, prezzemolo, sale e pepe, olio.

Ingredienti per la Faraona: 600 gr di faraona tagliata a pezzi, olio, una confezione di pancetta affumicata a dadini oppure del bacon, rosmarino e salvia, sale e pepe, un bicchiere di vino, mezzo dado vegetale.

Ingredienti per le patate: 2 kg di patate da forno, pangrattato qb, sale e pepe, salvia e rosmarino, olio.

Iniziamo preparando i contorni, che sono molto più semplici e sbrigativi. In un tegame piccolo, facciamo rosolare il cipollotto tagliato sottile ed aggiungiamo la pancetta affumicata o il bacon tagliato a dadini e lasciamo insaporire per qualche minuto. Fatto ciò aggiungiamo i pisellini e li facciamo rosolare per un bel pò, rigirandoli spesso. Aggiustiamo di sale e pepe, copriamo e lasciamo cuocere a fuoco moderato per circa 15 minuti. Nel frattempo avremo pelato le patate e le avremo lavate per bene sotto l’acqua corrente. Prendiamo una teglia antiaderente, disponiamo le patate tagliate a spicchi o tagliate come preferite e condiamole con gli aromi, il sale e il pepe, l’olio ed una bella spolverata di pangrattato. Inforniamo a 180°C per circa 1 ora, rigirando le patate ogni 20 minuti circa. Prima della fine della cottura, sfumiamo con un goccio di vino bianco.

Passiamo alla faraona, volatile poco usato nella nostra cucina, ma che ogni tanto compare come per magia nel freezer di casa! Quindi, passiamo alla sua cottura! In un pentolino rosoliamo la cipolla, aggiungiamo il bacon o la pancetta a dadini, il rosmarino e la salvia, e lasciamo insaporire. Aggiungiamo i pezzi di faraona e facciamo rosolare a fuoco vivace per un paio di mimuti. Saliamo, pepiamo ed aggiungiamo il mezzo dado vegetale. Sfumiamo col vino e copriamo, lasciando cuocere a fuoco basso per circa mezz’ora. Se notiamo che il livello del brodetto cala, aggiungiamo mezzo bicchiere di acqua calda.

Le polpette… Sempre bellissime, anche per un pranzo informale tra amici. Una tira l’altra, gustose e sfiziose! In una ciotola, mescoliamo tutti gli ingredienti tranne l’olio, il vino, il dado e la farina. Amalgamati bene gli ingredienti, formiano delle pallottole che schiacceremo leggermente con il palmo della mano e che poi passeremo nella farina, disponendole in un piatto piano oppure in un vassoio. Prendiamo un’ampia padella, aggiungiamo l’olio e scaldiamo. Quindi aggiungiamo le polpette e iniziamo la cottura, facendo attenzione che non friggano troppo, ma che restino morbide durante la cottura stessa. Quando riterremo che da un lato saranno abbastanza cotte, rigiriamole e versiamo il vino, continuando la cottura e subito dopo aggiungiamo il dado, che servirà anche come esaltatore di sapidità al posto del sale. Copriamo con il coperchio e continuiamo a cuocere, magari rigirando nuovamente le polpette. A cottura ultimata, teniamole nella padella al caldo in modo che si insaporiscano ulteriormente.

Impiattiamo e serviamo questo bis di secondi accompagnando le polpette con i pisellini e la faraona con le patate!

Preparazione Polpette Polpette passate nella farina Cottura delle polpette

Brasatura delle polpette Cottura della faraona Fine cottura della faraona

Polpette Brasate e Faraona in Umido con contorno di Pisellini e Patate

Sicuramente un secondo da non proporre a chi è a dieta ma a chi ha una gran voglia di farsi un’abbuffata dimenticandosi per un giorno verdure al vapore e frutta di stagione… Il classico strappo alla regola!

Buon appetito a tutti!


Potrebbero interessarti anche… (clicca sull’immagine per accedere al relativo post)

Linguine al Cartoccio risotto tumb

7 pensieri su “Una Polpetta tira l’altra… E becca anche la Faraona!

  1. Forse i vostri amici aspetteranno un pò prima di tornare a farvi visita.. eh eh eh

    Ad ogni modo è una coppia di secondi super. In particolare le polpette, sembrano molto buone ed appetitose.

    🙂

  2. Se fossimo noi gli amici in questione… torneremmo presto a mangiare da voi!!!
    Insomma, meglio mangiare e poi impegnarsi per smaltire che trattenersi nel mangiare!!!!😉
    Bravi ragazzi, continuate così!😉

  3. Ehehe!😀
    Al contrario! Proprio perchè sapevamo che i nostri amici erano delle buone forchette, ci siamo premurati affinchè si alzassero dalla tavola rotolando!😀
    E ti dirò di più!
    Questo è il secondo!
    Per primo, o meglio primi, c’erano le quenelle che ho pubblicato precedentemente, e delle crespelle alle verdure che non ho pubblicato perchè la rietta c’è già nel blog!
    Una domenica particolarmente leggera…😉

  4. CARO ALBERTO. SONO CONTENTO DI QUELLO CHE HA PRODOTTO IL TUO INTUITO NEL PROPORRE I TUOI PRANZETTI CON TUTTE QUELLE PRELIBATEZZE. DEVO AMMETTERE CHE TI SEI SUPERATO INTUTTE LE RICETTE FINORA LETTE. NON HO TROVATO QUELLA CON PASTA CON BROCCOLI, DETTA ALLA SICILIANA PASTA CHI VROCCULA ARRIMINATA. COME PURE I CANNOLI ALLA SICILIANA. PER LA PASTA LA RICETTA E’ SEMPLICE, 400 GRAMMI DI MACCHERONCINO, 3 FILETTI DI ACCIUGHE, UNO SCALOGNO UNA BUSTINA DI PINOLI E UVA PASSA O SULTANINA, UN BROCCOLO PICCOLO BOLLITO E TAGLIATO A PEZZETTINI, 2 CUCCHIAI DI OLIO SALE PEPE QUANTO BASTA. PER I CANNOLI ALLA SICILIANA 500 GRAMMI DI RICOTTA 250 GRAMMI DIZUCCHERO 100 GRAMMI DI ZUCCATA DI PERE UN PIZZICO DI CANNELLA UNA SCORZA DI ARANCIA CANDITA. I CANNOLI SI TROVANO CONFEZIONATI. COME SI PROCEDE: PASSARE LA RICOTTA A SETACCIO, AGGIUNGERE LO ZUCCHERO E LAVORARLA CON UN CUCCHAIO. AGGIUNGERE LA ZUCCATA TAGLIATA A PEZZETTINI E LAVORARLA PER MEZZORA E METTERLA IN FRIGO PER TUTTA LA NOTTE. IL GIORNO DOPO RIEMPIRE ICANNOLI, SPOLVERARE CON UN PO DI CANNELLA E ZUCCHERO FILATO. ALLA FINE POGGIARE SOPRA UNA FETTINA DI BUCCIA DI ARANCIA CANDITA E BUON APPETITO. TANTI SALUTI DAL TUO EX MAESTRO UN ABRACCIO TUO PAPA FRANCO.CIAO

  5. Allora!!!
    Se inizi a “rubarmi” gli spazi, finisce che lo gestisci solo tu questo blog!
    Le ricette, che tra l’altro già conoscevo(me le hai insegnate tu!) le potrei riproporre, se non fosse che qui, il broccolo verde si fa fatica a trovarlo, e soprattutto la ricotta di vaccina qui… Lasciamo perdere. Preferisco quando torno a casa e me le prepari tu le cose buone da mangiare.
    Ti abbraccio, tuo figlio Alberto.

Dopo aver letto il post, un tuo commento è molto gradito!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...