Hallowen? No, non è lui e non è un fantasma, è solo il ricordo della mia infanzia!


Tutti parlano di hallowen, tutti si preparano alla serata dove andare a far baldoria per locali, travestiti da improbabili vampiri, con zucche in mano cercando di spaventare la gente in giro per le strade. Ed i bambini che bussano alle porte urlandoti “Dolcetto o Scherzetto????” Le tradizioni si rinnovano nel tempo, lasciando spazio a novità che soppiantano le vecchie abitudini, e chi come me ha già passato i 30 anni da un pezzo, guarda con rammarico e con un pizzico di nostalgia al proprio passato, ricordandosi che hallowen non esisteva, che la 2 giorni di novembre era sempre un continuo commemorare parenti defunti, ma soprattutto era un momento speciale durante la preparazione in casa di quello che noi, giù a Palermo chiamavamo ‘U piattu’. Questo piatto veniva addobbato di dolciumi di vario genere ma anche da frutta secca, caramelle e dolciumi, in base alle proprie possibilità economiche, ma su tutti, trionfava U’pupu ri zuccaru, o anche detto ‘Pupaccena’. Una statuina di zucchero cristallizzato raffigurante le immagini degli eroi dei bambini di allora… Ma non finiva lì, poichè il piatto aveva la funzione di far trovare ai parenti defunti che, durante la notte tra il 31 ottobre ed il 1°novembre, passavano da casa per vedere se i parenti che avevano lasciato si trovassero ancora in buona salute e non piangessero più la loro scomparsa, un rifocillamento per tale visita.

E se le famiglie avevano dei bambini, non raccomandavano altro ai loro figli… Fate i bravi che così i nonni domani vi lasciano un regalo! Ecco, la commemorazione dei defunti, era anche un momento di religiosità ma anche di divertimento per i bambini, che forse all’oscuro del giorno triste per la visita ai parenti al cimitero, tutti felici giocavano con i loro regali appena scartati.

Hallowen non sapevamo neanche cosa fosse, Almeno fino ad una decina di anni fa, la memoria mi dice che il fenomeno non era così diffuso a macchia d’olio e che solo in questi ultimi anni si è diffusa prepotentemente nella stragrande maggioranza delle case. Un business economico che porta migliaia di persone a comprar vestiti, maschere e comportarsi come se ci trovassimo a carnevale!

Ma come ho già scritto nel post qui in basso 2 anni fa, su Ancilino, è il moderno che avanza, soppiantando le vecchie tradizioni…

Ma il mio cuore è lontano dall’accettarla come tradizione di famiglia, e anche se sprovvisto di un pupo ri zuccaru, ho deciso che quest’anno avrei festeggiato il mio ‘Hallowen’ come si sarebbe fatto a casa mia giù in SIcilia 30 anni fa… Addobbando un bellissimo piatto pieno di dolciumi, ahimè sprovvisto di pupo ri zuccaro, perchè al nord non è affatto facile trovare cose così regionali!

Qualcuno mi aveva chiesto di preparare qualcosa per Hallowen… In qualche modo vi ho accontentati!😀

Pupaccena... Quanti ricordi e quante tradizioni! Chi non ha mai avuto da piccolo della Pupaccena durante il periodo dei morti? Quanti ricordi a vedere queste piccole statuine di zucchero cristallizzato con le forme più assurde! Ma la Pupaccena originale è sempre stata la forma dei paladini, con i personaggi tipici del teatrino dei pupi siciliani. Infatti venivano sempre riconosciuti come “Pupi ri Zuccaru”. Poi nel tempo hanno cambiato diverse forme, soprattutto per attrarre i bambini con i pers … Read More

via Ancilino

7 pensieri su “Hallowen? No, non è lui e non è un fantasma, è solo il ricordo della mia infanzia!

  1. Bè Albe…hai scritto, a mio avviso, uno dei post più belli degli ultimi tempi…e credo che festeggiare Halloween con questi ricordi così belli (e condividerli con noi) sia il modo migliore, invece di fare ricette con la zucca o cose simili!
    Bè…io non ho nessun ricordo come il tuo, per la mia famiglia il giorno del 31 ottobre/1 novembre voleva dire solo andare a trovare i propri defunti al cimitero..per cui è bello leggere la tradizione che c’era in sicilia con i “Pupi ri Zuccaru” (che francamente non conoscevo)…
    Io non sono mai voluto andare ad una festa di Halloween..qui da noi c’è al ponte del diavolo di ponte a moriano una delle feste più belle di tutta italia che coinvolge tutto il paese..me ne parlano sempre bene, ma non sono mai voluto andare perchè non la sento come una festa mia…mi piace vedere le lanternine a forma di zucca, i vari addobbi per l’occasione (mia madre ci si sbizzarrisce) ma non è una festa che sento…preferisco leggere delle vecchie tradizioni come la vostra in sicilia…francamente più genuina e ricca rispetto a tutte le cose che si fanno ora!

  2. Nick, è bello potersi ricordare le proprie tradizioni, soprattutto se soppiantate da nuove leggi di mercato che accalappiano i bambini ed i genitori verso lidi più interessanti(leggasi feste in maschera,dolcetti,e altro)che rispetto alle vecchie tradizioni popolari,nulla hanno di migliore.
    Mi ricordo da piccolo, la grande attesa e la preparazione con i genitori di questo piatto, con al centro “U Pupu” e tutto intorno i dolciumi e la frutta secca, da offrire ai defunti che durante la notte passavano a trovare i propri cari, e vedendo noi bambini, lasciavano anche i regali. Un pò quello che accade per Santa Lucia qui nella bergamasca e nel veneto.
    Considera che qui non festeggiano il natale con i regali, ma solo appunto santa lucia. Se questo non rappresenta una vera e propria tradizione, cosa lo può essere?
    Hallowen,il natale come lo vedono gli americani, è diventato l’unico vero motore dell’economia, dove si soppiantano tradizioni per lasciar sfogo a feste, regali ed opulenze varie.
    Ovviamente, le colpe, se così le possiamo chiamare, sono nostre, che abbiamo sempre associato queste tradizioni solo a rituali religiosi, quindi “penitanziali”. Hallowen, babbi natale non hanno nulla di religioso, ma convogliano solo l’attenzione dei bambini, vero metro dell’equilibrio famigliare. Loro sono contenti? tutto fila liscio.
    E se noi potessimo inventarci qualcosa per far spendere soldi, da dove dovremmo partire?😀

  3. ehehehe quanto è vero Albe…
    però lasciando perdere i bambini…per far spendere i soldi agli adulti io e te potremmo aprire il famoso ristorante (o agriturismo o quello che vuoi) ;-):-D😀😛

  4. fuori tempo massimo e ”fuori” ,date le temperature estive,lascio un commento su halloween. Non sembrerebbe,ma tra le tradizioni legate ai morti e la apparentemente pagana Halloween,c’è un forte legame. anzi,una discende dall’altra. la tradizione legata ai defunti ,alla maniera di come hai raccontato tu, è tipicamente europea. ed è stata importata negli USA da italiani,irlandesi,ecc.
    Poi in Usa è stata caricata, resa volgarotta e reimportata da noi. ad esempio, ricordo che 30 anni fa, vedevo le zucche tonde intagliate e illuminate da dentro. le vedevo posizionate sugli ingressi delle case di campagna.era sud dell’Italia. Dunque, a volte, scavando un po’, notiamo che le cose cambiamo nella loro manifestazione ,ma in profondità vogliono trasmettere un significato culturale valido ,che in passato si esprimevano più autenticamente e oggi un po’ travisate e commercializzate

  5. Buongiorno Elisabetta, benvenuta!
    Grazie per il tuo commento, credo non ci sia nulla di male a commentare un post su Hallowen anche se siamo in piena estate!
    Hai perfettamente ragione anche tu, tra di loro queste due festività si collegano in qualche modo, ma purtroppo è l’uomo che con il suo business del voler far soldi a tutti i costi, spesso trasforma un rito religioso in qualcosa di lucroso su cui poterci guadagnare, e alla fine, tutto ciò che esisteva, assume tutto un altro significato.
    Purtroppo…
    Spero di rivederti ancora, saluti!

Dopo aver letto il post, un tuo commento è molto gradito!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...