La moglie ordina? Ed il marito pasticciere pasticcione realizza!


Quanti programmi di cucina ci sono nel panorama televisivo attuale?

Tanti? Io direi pure troppi! Però cosa ci volete fare, in fondo sono come i ristoranti o le trattorie in giro per l’Italia, alla fine scegli solo quelli che ti piacciono, e a volte non è detto che siano anche i migliori. La stessa cosa se ci pensate, succede con i Food blog. Ho visto in giro di tutto, e stento certe volte a credere che abbiano un seguito! Beh, perchè il mio cos’è, il primo sito d’Italia per visite? Ma vah!!! Cerchiamo di metterci sempre impegno in quel che facciamo, la prima regola che mi sono posto è divertirmi, e la seconda essere sempre chiaro e semplice in quel che faccio, perchè se c’è una cosa che mi piace, è mostrare quel che faccio, sbagliando anche, perchè da un pasticcio, dopo nasce sempre qualcosa di buono!😀

Tralasciando quali dei programmi tv preferisco, invece mia moglie è un’assidua teleascoltatrice della Parodi… Ok, non mi piace il programma che fa, però ammetto che riesce con certe ricette ad attrarre l’attenzione, finendo poi per far riproporre pari pari una sua ricetta, come è successo a me su ordine tassativo della moglie… E chi poteva tirarsi indietro???

Una di queste mattine, andando al lavoro mi ordina: La Parodi ha fatto un dolce buonissimo, me lo rifai per favore? Per piacere? ^_^ Certo che te lo faccio! Eccheccos’è??? Una torta, anzi esattamente una torta ai frutti di bosco, un pandispagna per essere più precisi! (Clicca QUI per visualizzare la ricetta originale). Va bene, cerco la ricetta e te lo faccio. Vi dirò, alla fine questa ricetta non era affatto malaccio, non rivaluto la tipologia del programma, resto sempre delle mie idee a riguardo, però questa ricetta, già fatta altre volte, è una buona alternativa da presentare a tavola.

PAN DI SPAGNA AI FRUTTI DI BOSCO – la ricetta!

  • 250 gr di farina 00
  • 4 uova
  • 200 gr di burro
  • 250 gr di zucchero
  • 1 bustina di lievito per dolci
  • 1 pizzico di sale
  • frutti di bosco misti
  • zucchero a velo x decorare

Ok. Il pan di spagna non necessita del lievito, oppure si? Ho cercato di documentarmi in rete per scoprire l’arcano mistero che regola le leggi matematiche della pasticceria, ma preferisco soprassedere per sopravvenuto mal di testa… Meglio lasciar stare. Questo dolce si chiama pan di spagna, e così lo chiameremo noi, oh!😀

Montiamo le uova intere con lo zucchero finchè non diventerà spumoso, quindi aggiungiamoci il pizzico di sale,il burro fuso e setacciando la farina, incorporiamo anche quest’ultima insieme al lievito. (A piacere, per rendere la ricetta più gustosa, potete aggiungere o un goccio di rhum oppure come ho fatto io, della scorza di limone grattugiata). Montando con un frullino, dovrà risultare una crema morbida e corposa, che verseremo in una teglia a bordi alti oppure una pirofila, che avrete precedentemente foderato con della carta forno bagnata e strizzata.

Versate quindi sul composto i frutti puliti ed infarinati, ed infornate a 180°C per circa venti minuti, forno ventilato o meno, fate sempre attenzione utilizzando il classico stuzzicadenti. Se dopo averlo estratto è asciutto, la torta è pronta!

E più cotta di quella che vedete in foto, penso proprio che non si scappa! La carta forno strizzata è ottima per estrarre questo genere di torte dalle pirofile o dalle teglie! Fate raffreddare per bene il dolce, che poi capovolgerete su un piatto da portata in modo che i frutti di bosco risultino in alto. Spolverizzate con abbondante zucchero a velo e servite ai vostri ospiti o mangiatene quanto ne volete!😀

L’aspetto era molto bello, il profumo,beh… I frutti di bosco parlano da soli! Fondamentalmente il dolce è buono, io l’ho trovato zuccherato al punto giusto, non era affatto male. Certe ricette non sono affatto da bocciare, anzi si può benissimo prendere spunto e provare a rifarle a casa. Nessuno ci vieta di cambiare qualcosa per renderlo più consono ai propri gusti! Esattamente come ho fatto io…😛

Io penso che servirlo così sia una buona alternativa, non credete anche voi?

Chi ne vuole una fetta?

11 pensieri su “La moglie ordina? Ed il marito pasticciere pasticcione realizza!

  1. Alberto, quello che dici sui programmi tv riguardanti la cucina è vero … ormai perfino GEO & GEO ha un suo spazio al riguardo. Il cibo “tira” in TV, come i cani e i bambini. Mala tempora currunt …
    Per i blog vale lo stesso discorso e alcuni sono veramente impraticabili. Uno dei più famosi, ha messo di recente la ricetta del minestrone!!! ora, io dico, abbiamo 40 gradi e il minestrone credo che tutte più o meno lo sappiamo fare … mah, che dire? Ma la cosa più sorprendente sono i COMMENTI a questo blog, sembra che sia letto da un pubblico di mentecatti. Vabbè sono una rompi palle lo so.
    Il tuo non sarà così famoso, ma la qualità, si sa, ha un pubblico ristretto. Complimentoni!

  2. oh mamma mia..io sto sciopero forzato di dolci…che invidiaaaaaaaaaaaa!!!
    sembra buonissima *_* tua moglie ha buon gusto eh!!!
    io tempo fa ho fatto qualcosa con le more raccolte sull’etna ma non ricordo dove ho messo le foto…uhm…mi hai fatto venire il pensiero adesso..devo trovarle e postare la ricetta😀

  3. io, io, iooooooooooooooooooooooooooooo! Ho conosciuto il tuo blog grazie a Doriana, complimenti per la tua vittoria, e chi lo molla più questo blog!! Un abbraccio SILVIA

  4. @Valentina Semplice e davvero buona!

    @Milla Grazie, ma ti garantisco è davvero facile da fare!

    @Hariel Tu mi mi parli di more dell’Etna e a me viene in mente quando da piccolo andavo per fresche frasche a raccoglie gelsi con mia madre, tornando tutti graffiati ma felici per aver preso dei frutti fantastici!
    Ovviamente voglio vedere la ricetta!!😀

  5. @Silvia
    Benvenuta!
    In realtà io ti “conosco”, ci seguiamo su twitter ed io conosco il tuo blog!
    Comunque sono contento di aver letto il tuo messaggio!
    Grazie!

  6. Paola, io ti ringrazio davvero per i complimenti, sono sinceri e li apprezzo davvero, come tutti gli altri del resto!
    Non ho mai puntato ad avere chissà che numeri tra le visite o un certo numero di commenti per capire se sono seguito o meno, ho sempre pensato che ciò che facevo e che faccio prima di tutto è per me, e se mi piace, sono sicuro che piace anche ad altri. Se arrivano i commenti, sono felicissimo di leggerli, idem un “like”, altrimenti va più che bene anche senza!
    Quel che mi dispiace è sapere che c’è chi, in qualche modo si fa la “guerra” per dei risultati che non comprenderò mai… Ma non è tra le mie corde, ne tanto meno voglio sembrare quello della classica barzelletta “l’uva è troppo in alto quindi è acida”. Se si è consapevoli dei propri limiti, penso non sia necessario sapere dove si va!
    Però un piccolo merito me lo voglio dare…😉
    Un poco pochino discreto sto blog ce l’avrò, no?
    Soprattutto la parte fotografica.
    Spero sia quella predominante e che vi piaccia sempre!
    Ciao e a presto!

  7. Alberto, sin dalla mia prima visita, ti ho detto quello che pensavo del tuo blog: ben scritto, splendide foto, ottime ricette ben spiegate, condite da un pizzico di humor siculo, che ci sta tutto. La classe non è acqua, continua così. Ottimo!

Dopo aver letto il post, un tuo commento è molto gradito!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...