Bucatini ca sarda a’mmari… Chi sciavuru!!!


Recentemente ho apportato delle piccole modifiche al blog, a partire dal titolo nella testa del blog stesso: …con la Sicilia nel Cuore!

La motivazione è semplice, molto più di quanto possa sembrare! la Sicilia è la mia terra, è il miglior tributo che possa farle è rappresentarla tramite il blog!

Poi, mi sono reso conto che da un pò non scrivevo più una ricetta in dialetto, cosa che mi aveva parecchio divertito perchè dopo tanto tempo lontano da casa, certi termini sembrano impossibili da ricordare, soprattutto perchè in casa mia il dialetto si parlava pochissimo, quindi la memoria ad oggi latita parecchio! Tutti si dilettano ad utilizzare la funzionalità del traduttore automatico, altri aggiungono il testo in inglese. Sono davvero molto belli i post, mi piace leggere i termini in italiano e riscoprirli in lingua inglese, si può in qualche modo unire l’utile al dilettevole! Ma in dialetto chi lo fa??? Ehehe😀

Piccola premessa: la ricetta di oggi è un primo piatto tipico della provincia palermitana. Credo esista anche in altre città della Sicilia, ma se così non fosse, beh… E’ arrivato il momento di conoscerla! Il nome rievoca la tradizionale pasta con le sarde, primo piatto delicatissimo e molto squisito della cucina siciliana, ma presenta una variante molto significativa… Non ha le sarde! Beh, credo sia normale, poichè non sempre questo pesce era disponibile nelle case dei siciliani d’un tempo, magari nelle zone montane o di campagna si faticava ad aver il pesce fresco ed inoltre, con molta più facilità si avevano le acciughe in conserva o le sarde salate. Poi metteteci l’ingegno delle massaie, in grado di sostituirti un ingrediente base con qualcosa che gli somigliasse, per trasformare un piatto qualunque in un signor primo piatto, proprio come quello di oggi, lasciando le sarde a mare, ma il sapore tipico della pasta nei nostri piatti!

BUCATINI CA SARDA A’MMARI – Cunzamu sta ricetta!

  • finucchieddu sirbaticu
  • sarda salata o acciuga
  • astrattu ri pummaroru
  • cipuduzza 
  • ogghiu
  • passulina&pinola
  • muddica
  • bucatini
  • menzu bicchieri ri vinu biancu

Pi pprima cosa puliziamu un finucchieddu suttal’acqua frisca, u tagghiamu e u ittamu rintra na pignata cu l’acqua cavura, mentri vugghi. U facemu cociri pi circa 10 minuti, s’avi ammorbidiri ma unn’avi addivintari scottu. U sculamu e u tagghiamu a pizzudda. Pighhiamu a cipudduzza e a tagghiamu a fidduzza, quindi a ittamu rintra un tianeddu e abbunnannu r’ogghiu a facemu cociri juncennuci tri quattru acciughi o ru belli sardi salati tagghiati a pizzudda. Ratici culuri c’una bedda cucchiaiata r’astrattu e un pugnu ri passulina e unu ri pinola. Arriminati p’una para ri minuta e quinni ittatici u fiinucchieddu. Fati cociri arriminannu ancora pi dui tri minuta e svapura c’un gocciu ri vinu biancu. Cala u focu e fa cociri ancora cincu minuta, jettaci un pugniceddu ri sali e tasta su u sucu è prontu.

  

Prima mi scurdavu ri dirivi ca unni cucistivu u finucchieddu, poi c’aviti a’cociri a pasta, picchi nall’acqua ri cottura a pasta veni cchiu saporita e ci runa puru n’anticchia ri culuri ! Però mica pò finiri r’accussi sta ricetta! Ammu ancora a’priparari a mudducca atturrata, eh! E un vi scantati, un facemu pigghiari focu a nienti! Sulu e parieddi! ehehe

Comu pò viriri na fotografia, pi ‘ffari a muddica atturrata ti servi na paredda larga, un filu r’ogghiu e tanta muddica. Arrimina fino a quannu u culuri unn’addivienta nivuru e nall’aria unn’accuminci a sentiri sciavuru ri bruciatu… Ste babbiannu!!! No, a’rriminari sempri, ma a’ffari attenzione ca basta picca pi ‘ffari addivintari a muddica atturrata muddica abbruciata. E poi jetti tuttu na munnizza e accuminci r’accapu!

Urtima cosa ri fari… Cociri a pasta nall’acqua ri cottura ru finucchieddu, scularla e arriminarla na pignata cu sucu, ‘mpiattarla e ghinchirla ri muddica… Senti chi sciavuri senti chi pitittu c’acchiana!!!

Cosi ra bella veru!

E così è andata… La ricetta in dialetto è stata scritta, spero vi sia piaciuta! E se vi sforzate un pochino, magari capirete, in fondo non è affatto difficile!😉

Ma se avete qualche dubbio non esitate e chiedete pure!

8 pensieri su “Bucatini ca sarda a’mmari… Chi sciavuru!!!

  1. Biedda vieru sta pasta, mi ‘nni manciassi un piattuni! I sardi si ‘nni fuieru ma u sapuri arristò tuttu! S’abinirica a vussia!!!
    p.s scrivere in dialetto… sembra facile ma non lo è…

  2. Evelin, hai perfettamente ragione! Non è per nulla facile scrivere in dialetto, soprattutto se non l’hai mai sentito ne parlato troppo spesso! Però è molto bello poterlo ricordare!

  3. NOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO, ma è fantastica ‘sta ricetta in dialetto! Sei un mito. Ora vado a tradurre, forse la lettura di tutto Camilleri potrà essermi d’aiuto?

  4. Buongiorno Paola!
    Beh, credo di si!
    Lui è agrigentino, ma il dialetto si discosta poco, quindi non ti dovrebbe essere difficile risalire all’originale, anche perchè fidati, a parte qualche termine, è abbastanza comprensibile!

  5. Appena letta, senza fatica. Che spasso, ci mancava solo la ricetta in dialetto. Ora il blog è davvero INSUPERABILE. Mi sa che scongelo il finocchietto preso in montagna. Grazie!

Dopo aver letto il post, un tuo commento è molto gradito!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...